CAV. GIUSEPPE PETIX

 GIOVANE AMBIZIOSO

attento cultore della cucina tradizionale siciliana

approda nei nostri momenti associativi con discrezione ,gentilezza,umiltà.

Spesso in conviviali comuni ma anche in eventi intersecati nelle tradizioni siciliane

ha collaborato nelle nostre attività e iniziative portate al termine con successo.
Siamo fieri e onorati di accoglierti con noi nel ns modesto gruppo

Con l’incarico regionale che meriti da tempo

ci auguriamo che questo inizio possa essere di auspicio un po per tutti

con un forte contributo quale

la tua persona benvenuto al neo consigliere regionale

Cav. Giuseppe Petix

qui di seguito riportati le benemerenze acquisite nel tempo:

 

Presidente della Commissione Regionale Cultura dell’AICS dal 2017 – ad Oggi
Presidente Provinciale dell’AICS di Agrigento dal 2015 – ad Oggi
Presidente dell’Accademia della Lingua Siciliana dal 2018 – ad Oggi
Presidente dell’Organizzazione N.O.I. dal 2009 – ad Oggi
Comandante della Guardia Civile Siciliana dal 2015 – ad Oggi
Nato a Palermo il 02/08/1987 – Residente in Casteltermini in Via Roma, 2
ma la Segreteria e in Via Giovanni XXIII, 52 ad Agrigento
CF: PTX GPP 87M02 G273P
Tra le sue maggiori battaglie: la ricerca degli scomparsi essendo coautore di un disegno di legge (oggi legge regionale) ma anche sulla celebrazione ed insegnamento nelle scuole della Lingua Sicilia e della Cultura del Popolo Siciliano. Inoltre si occupa di promozione culturale, turistica e gastronomica dell’Isola.
Petix è presidente di altri enti ed organizzazioni, è stato sia assessore che sindaco protempore, è psicolgo e sacerdote cattolico (ma questi due aspetti non li citiamo mai al fine di non distorgliere i giornalisti ed evitare polemiche perché un prete dovrebbe di solito fare altro piuttosto di occuparsi delle cose delle quali si occupa il Presidente Petix).
é Commendatore dell’Ordine Equestre di San Giorgio e Cavaliere dell’Ordine di Malta, inoltre è anche Priore della Arciconfraternita di San Francesco di Paola di Palermo.
Precedente Paride e i carboni vegetali